BABBO VS GRINCH: REGALI ECO

Il Natale si avvicina! E io sono felicissima perché è il mio periodo preferito dell’anno. Dentro di me (neanche troppo nascosta)  vive una bambina di otto anni che impazzisce al pensiero di fare l’albero, decorare la casa, impacchettare i regali e soprattutto scartarli! Per compensare tutta questa euforia mi sono scelta per amica il Grinch in persona. Eh si, la mia amica Paola detesta il Natale e tutto ciò che comporta, e io sono anni che provo ad evangelizzarla ma lei… niente! D’altra parte ognuno è fatto a modo suo. Comunque sia, che siate o meno amanti del Natale, nessuno può sfuggire al rituale principe delle feste: i regali! E qui arriviamo alle dolenti note. Eh si perché il rovescio della medaglia di questa magnifica festa è il consumismo sfrenato e gli sprechi. Spesso riceviamo/regaliamo ninnoli inutili, i famosi “pensierini” di cui nessuno ha veramente bisogno e il più delle volte finiscono in un cassetto o a volte addirittura nel cestino.

Tuttavia non sarò certo io a suggerire di rinunciare ai regali: va bene l’ecologia ma il Natale è il Natale! Vediamo allora come coniugare le due cose. Ecco una lista di possibili regali ad impatto zero (o quasi) che renderanno felice chi li riceve e chi li fa!

6.zerowa.jpg

  1. ACCESSORI ZERO-WASTE

Borsette di cotone organico per fare la spesa, eleganti borracce in alluminio, una spugna naturale abbinata a prodotti per la cosmesi in bottiglia di vetro o magari un filtro per gli infusi con una tisana scelta da voi… La scelta è vasta e coglierete due piccioni con una fava: regalare un oggetto eco-friendly ed avvicinare qualcuno ad un nuovo stile di vita; chissà che non decida poi di proseguire il percorso da solo! Occhio però ad evitare l’effetto “evangelizzazione”: se la persona a cui fate il regalo non ha questo tipo di inclinazione meglio optare per qualcos’altro!

6.teatro.jpg

  1. ATTIVITA’

Secondo me non c’è regalo migliore. Un concerto, uno spettacolo a teatro o un pomeriggio in una spa le più classiche ma ci sono infinite possibilità! Ed il bello è che è anche un incentivo a passare del tempo insieme. Qualche anno fa regalai un mini corso di cucina a mia madre: l’abbiamo fatto insieme e da allora siamo diventate le regine dello sformato! Ce n’è per tutti i prezzi, non bisogna per forza svenarsi: basta pensare che, ad esempio, il biglietto d’ingresso alle Terme di Caracalla costa 8€…

6.cibo.jpg

  1. CIBO

Siamo italiani e si sa, nulla ci piace di più che mangiare. E la nostra fantastica terra è costellata da una miriade di piccoli produttori locali che creano prelibatezze uniche! Quindi perché non regalare prodotti artigianali, magari a chilometro zero? Si sostiene una piccola impresa e non si producono rifiuti inutili e dannosi perché finisce tutto… in pancia! Potete acquistare prodotti sfusi e confezionare in maniera creativa o magari farvi fare dei cesti se il regalo è un po’ più importante.

6.Piante.jpg

  1. PIANTE

Una pianta è un pensiero bellissimo: è un essere vivente! Volete mettere con un oggetto inanimato? Non c’è storia… Personalmente sono un amante delle orchidee e quando me ne regalano una sono sempre entusiasta! Anche in questo caso è bene seguire le inclinazioni della persona: non ha senso regalare una pianta a qualcuno che non ama prendersene cura. Se invece la persona in questione apprezza il genere allora avete via libera! Attenzione però a scegliere la pianta giusta: parlate con il vivaio e fatevene consigliare una adatta all’ambiente in cui andrà a vivere.

Se poi volete proprio strafare… regalate un albero! Potete farlo attraverso Treedom; la spesa è modesta e l’albero da voi scelto verrà piantato da un contadino all’interno della propria terra.

portaportese

  1. OGGETTI USATI

Infine se proprio non potete fare a meno di regalare un oggetto sceglietelo di seconda mano. Il vintage è tornato di moda e ci sono infinite possibilità! Ho la fortuna di abitare a due passi dal mercato di Porta Portese quindi la domenica scendo spesso a farmi un giretto e si trovano cose fantastiche! Vecchie stampe, vasi, lampade, soprammobili di ogni genere, bigiotteria, dischi, servizi da tè e chi più ne ha più ne metta! Ci si può davvero sbizzarrire e chi riceve il regalo avrà in casa un oggetto unico!

Direi che ce n’è per tutti i gusti! L’ultima accortezza: incartate i vostri regali con carta riciclata, stoffa, fogli di giornale o di rivista; potete arricchirli con foglie o rametti, legarli con spago o fili di lana e soprattutto evitate lo scotch: è un po più difficile chiudere i pacchetti ma con un poco di pratica ci si riesce…

GOD JUL!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...